Candele in pura cera d'api e artigianato esoterico  - Messaggio aziendale
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

Le Scopette della Janara
Lavorare con le Enegie Naturali
Piccoli incanti con gli incensi
Nuovi Arrivi Cupcake Burro Corpo
Corso base di Autoproduzione di cosmesi naturale

Post più popolari

Candele 2 : come interpretarne la combustione licnomanzia e ceromanzia
Candele 1: utilizzo,colori e significato
Oli essenziali : il loro utilizzzo magico
Maman Brigitte un altro volto della Dea Brigid
Incensi : conoscere le resine principali

Categorie

Arte Pagana
Eventi e Incontri
Herbarium
Luoghi di Energia
Miti,tradizioni e divinità celtiche
Mitologia Giapponese
Nuovi Arrivi
Piccoli incanti
Sabba e Esbat
Simboli,tradizioni e miti nel mondo
Tradizioni e miti voodoo,Quimbanda,Candomblè
powered by

Il Blog di Oroboro

Tradizioni e miti voodoo,Quimbanda,Candomblè

La Garde Voodoo

La tradizione popolare insegna che, più spesso di quanto non si creda, invidie, malocchio ed attacchi magici possano danneggiare l’esistenza di una persona. La tradizione esoterica Voodoo mette a disposizione diversi strumenti di difesa. Uno dei più noti è laGarde. Il terminegardesignifica guardia. La garde consiste in una particolare orazione impressa su pergamena che reca incisi potenti sigilli (vevès): sulla sinistra il simbolo dei tre tamburi sacri a identificare il ritmo della vita, in alto i simboli dei loa attivi (

Rituale del Nuovo Anno con Yemanja

L’oceano, il mare, le acque salate sono il simbolo diYemanjà(leggi Yemangià). Dove c’è l’acqua, c’èYemanjà. anche quella dolce,solitamente regno della dolce e bellissimaOxum è comunque associata anche a questo Oricha stupendo poichè lei è la Madre delle Acque Universali- Essa è la dea della nostra coscienza, del nostro Orì – L'Orì è la base della nostra personalità, decide della nostra fortuna o sfortuna; pertanto, il nostro Orì (spazio nella nostra testa) è qualcosa di estrema importanza e che nella vita va venerato in un modo divino.

Oxossì il Signore della Mata

Oxossi  è l’Orixá della caccia, il Grande Spirito delle foreste e delle bestie feroci. Il “Signore della Mata”, con Ogum ed il potente Elegbará, forma la triade delle divinità guerriere del pantheon Yoruba

In Brasile é raffigurato come un guerriero indio armato d’arco e di frecce, adorno di penne e di ricchissimi e colorati capacetes. 
Il cacciatore Oxossi é istinto, introspezione, strategia, ma anche abbondanza e sazietà.

Rituali e Pulizie esoteriche della tradizione Voudou

Di seguito alcuni rituali legati alla tradizione Voudou di Santo Domingo e New Orleans : 

(Molti dei prodotti utilizzati in questa ritualistica sono reperibili nel nostro shop,contattaciper informazioni)

Bagno di Purificazione 
Bollire incenso, mirra, menta, rosmarino, erba luisa. Quando il liquido diventa bianco aggiungere sette gocce diFlorida. Versare il liquido dalle spalle in giù per sette giorni. Mentre si fanno bollire le cose non dimenticare di lasciare porte e finestre ben aperte, il despojo pulirà anche l’intera casa.

La Regla de Ocha

L'impatto tra le la religione cristiana portata dagli spagnoli a Cuba e la religione africana portata dagli schiavi africani produsse una dinamica culturale spiegabile in termini di sincretismo; si verificarono, cioè, dei processi di fusione (generalmente in campo religioso) e di giustapposizione (più che altro negli ambiti della magia) degli elementi culturali relativi al cattolicesimo e alla religione yoruba: il risultato di tale dinamica è la nascita di una nuova religione che tutt'oggi fornisce modelli di risposta ai drammi esistenziali di buona parte del popolo cubano.

Santa Marta Dominadora

Marta la Santa
La Legenda Aurea di Jacopo da Varazze racconta che Santa Marta fosse di origine nobile. Suo padre si chiamava Syro, era duca di Siria, mentre sua madre Encharia. Dopo la morte dei genitori ereditò, insieme a sua sorella il castello di Magdalen, quello di Betania e parte di Gerusalemme. Secondo la tradizione Marta non ebbe mai un compagno e dedicò tutta la sua esistenza a servire il Cristo.
La leggenda di Santa Marta, come la conosciamo oggi, compare solo nel XII secolo. Narra che dopo l’Ascensione di Gesù, i tre fratelli Lazzaro, Marta, Maria Maddalena e altri sarebbero stati imbarcati dagli infedeli su un’imbarcazione senza vele né remi, né timone, né provviste.

Le 21 Divisioni

La parola vudù ha il potere di suscitare nella gente comune immagini ben definite di bambolotti con gli spilli e zombies. Cinema e tv hanno ricamato su queste tematiche al punto da distorcere completamente una tradizione religiosa che non ha nulla a che vedere con la stregoneria come siamo abituati a concepirla. Esistono in primo luogo diverse tradizioni di vudù. 

Pur avendo una matrice comune, l’Africa, ed affinità, sono in realtà molto diverse, nei miti, nella ritualità, nelle pratiche, nella concezione metafisica e negli spiriti cultuati.

I Vevè

Nella tradizione Vudù haitiana ogni lwà (Loa) e ogni Erzulie, viene rappresentato da uno o più sigilli esoterici tracciati al suolo con polveri differenti. Questi sigilli prendono il nome di vevè. Ogni vevè riproduce graficamente in maniera stilizzata gli attributi di un lwà e le sue insegne rituali. L’impiego di tracciati grafici e sigilli rituali proviene dalla tradizione africana congolese e lo ritroviamo in altre religioni afroamericane quali il Palo Mayombe a Cuba e l’Umbanda e Quimbanda brasiliane.

Xangò : La Giustizia e la Folgore

Xangôè la giustizia, l’ordine e l’equilibrio, ed ha tutte le caratteristiche del mitico Giove, sovrano dell’Olimpo greco, Dio degli Dei.Xangôre d’Oyòè uno degliOrixàspiù venerati del pantheonYoruba. La giustizia, cheXangôrappresenta, non é l’apparato legale di una nazione, va molto oltre la comprensione umana. E’ la Legge universale di Dio, anche se talvolta s’identifica con quella di una tradizione o di una cultura. 

L’uomo tende spesso a giudicare ingiusto ciò che lo coglie impreparato o va contro le sue speranze ed i suoi progetti.

Oxum la Dolce Madre


Se diamo uno sguardo al passato noteremo, che tutte le grandi civiltà e le più importanti culture della storia dell’uomo, sorsero in prossimità di un grande corso d’acqua. Gli antichi Egiziani costruirono vicino al Nilo le loro città; la cultura mesopotamica si sviluppò sul Tigri e l’Eufrate; i cinesi espansero la loro cultura sulle sponde del fiume Giallo. Ancor oggi la presenza di un fiume significa acqua per l’uomo e per i suoi animali, la crescita dei prodotti della sua terra.

Yemanjà Rainha do Mar

La regina del mareYemanjáè la sintesi dell’elemento acqua, culla di tutte le creature; è il liquido amniotico in cui gravita l’essere prima di diventare tale. Lei è la luna, madre e vergine, sorella e sposa; é la più importante figura femminile di tutti gliOrixásé la sirena che attrae, piena di fascino e mistero.
 
Signora della fecondità e della consolazione,Yemanjàrappresenta l’amore e la serenità, ma nel momento dell’ira quando la sua energia manca d’equilibrio, si rivela una spietata e terribile nemica.

Yansà : Il Vento e le Tempeste

Signora dei venti, delle bufere e dei temporali, questa Yabà sincretizzata con Santa Barbara, èYansãla regina diKoso, una delle tre mogli di Xangô. L’amazzone dalla pelle d’ebano é una delleYabàspiù conosciute e venerate di tutto il Brasile. Bella, di una bellezza selvaggia e aggressiva che non ha bisogno di trucchi o cosmetici per apparire, è passionale, focosa ed ardente come le donne commemorate dal famoso scrittore Jorge Amado nei suoi romanzi.
 
Yansà

Ossanhe : La Signora delle Piante

L'erboristeria terapeutica e magica,la conoscenza biologica e tutto il mondo vegetale, costituiscono appannaggio di Ossanhe,la Signora delle Piante, altrimenti chiamata Iyà Massè . Dovunque ci sia de verde,anche solo un filo d'erba,vibra l'energia di questo potente Orixà. Utilizzando una qualsiasi erba,occorre,prima di impiegarla,invoccare l'intercessione di Ossanhe :
 
Madre Natura,fammi usare questo tuo figlio, affinché possa trovare sollievo. "

Aida Wedo,la Signora dell'Arcobaleno

Aida We Do è considerata la moglie divina di Danbhalah We Do,Oxumarè,il Serpente Arcobaleno ,Signore delle Acque del  Cielo, l'incarnazione del bene,venerabile e antico padre di tutto il genere umano,secondo la mitologia Voudoo.
 
Il suffisso We Do deriva l'etimologia dalla casata reale del regno di Ouidah,in Africa Occidentale. I Loa che sono caratterizzati nel loro nome da questo suffisso,appartengono al rito solare Rada e si distinguono per una particolare benevolenza e magnanimità .

Marie Laveau

Marie nacque libera nel quartiere del Vieux Carré di New Orleans intorno al 1801, figlia di un proprietario terriero bianco e di una donna creola di colore libera. Il 4 agosto del 1819 sposò Jacques Paris, un nero libero che era arrivato in Louisiana da Haiti, come molti altri bianchi, schiavi neri e neri liberi che avevano lasciato l'isola caraibica in seguito alla sua dichiarazione di indipendenza. Il certificato del matrimonio tra Marie e Jacques è conservato nella cattedrale di Saint Louis, a New Orleans.

Metrés La Sirene

La Sirene è la controparte femminile Agoueh,il Loa del mare. E' il mare come madre della vita, abbondanza, prosperità,ricchezza e bellezza. E' la vita del mare. La Sirene è l'Erzulie nel suo aspetto acquatico e viene immaginata come una donna bellissima,dalla pelle nera e la lunga coda di pesce.  Gli Yoruba la chiamano Yemayà,nome che tradotto significa : La madre ic ui figli sono pesci. La Sirene è il mistero della maternità,la generazione,il partorire la vita dalle acque abissali.

Mademoiselle Anaysa

Un altro Loa appartenente alla grande famiglia delle Erzulie è Anaysa.  Anaysa Pye o Mademoiselle Anaisa, rappresenta la gioia e l'allegria. Figlia di Erzulie Danthor è un Loa giovane,frizzante,civettuola nel comportamento.  Nel mito è la compagna del Loa Beliè,per questo motivo sul suo altare la sua immagine è sempre affiancata a quella di S.Michele,con cui è sincretizzato questo Loa.
 
Quando Anaisa scende nelle sue figlie o nei suoi figli,ride con gioia e le si consegna immediatamente un foulard giallo oro,la si abbiglia con una gonna lunga fino alle caviglie,sempre gialla,con uno spacco alle ginocchia,sopra a questa gonna se ne pone una più corta,rossa.

Le divine Erzulie : Erzulie Freda,la bella tra le belle

Il termine Erzulie è la deformazione della parola Azilih,che nella lingua fon(Dahomey)indica il serpentello d'acqua. Nella religione Voodoo i Loa Erzulie vengono a designare la maggior parte delle figure femminili del pantheon e rappresentano le varie manifestazioni femminili dello spirito. Le Erzulie sono le Vergini,le Madri,e le Madonne del culto. Tutte le figure femminili sono teoricamente considerate delle Erzulie,tuttavia alcune Entità hanno Erzulie come primo nome.
 
Il voodoo basandosi sul concetto di Marassa(dualità)associa ad ogni entità maschile una controparte femminile e questo è necessario per il buon mantenimento dell'equilibrio energetico e vibrazionale delle forze che reggono il creato.

Quimbanda Exù e Pombas Giras

 
Col termine Kimbanda si indica il sacerdote Bantu -tradizione tipica del territorio oggi noto come Congo- che esercitava il ruolo di medico, sciamano e uomo di conoscenza. Quando il culto fu esportato in Brasile, il termine Quimbanda ha finito per designare un grosso insieme di pratiche religiose, spirituali e spiritiste con contaminazioni da parte di innumerevoli culture, tra le quali quelle indigene, africane, cattoliche e persino orientali. Nel linguaggio comune, la Quimbanda ha una fama sinistra e negativa e subisce una costante demonizzazione, spesso posta in contrapposizione come metà oscura dell'Umbanda.

Maman Brigitte un altro volto della Dea Brigid

Maman Brigitte 1Maman Brigitte è la compagna diBaron Samedì,la sua controparte femminile. Non è un Mistero che viene dall'Africa,ma ha le sue origini nella cultura Celtica essa è infatti la triplice deaBrigid, sincretizzata poi inSanta Brigida,il cui culto è giunto ad Haiti e nei Caraibi tramite i servitori stipendiati(quindi non schiavi)scozzesi e irlandesi, giunti in quei luoghi seguendo le famiglie presso cui prestavano servizio.
 
E' un Loa dalle caratteristiche somatiche atipiche,con occhi azzurri e lisci capelli neri.

Baron Samedì

baron samediI Guedhè sono i Loa che presiedono le energie ctonie della terra,sintetizzano le emozioni e le vibrazioni che ruotano intorno all'evento Morte e ne caratterizzano l'essenza. Se Papa Leghba è il Sole,Papa Guedhe è la notte che precede l'alba e segue inevitabilmente il tramonto.
 
La famiglia di Guedhè è molto numerosa,in questa sede parleremo del suo capo e signore assoluto:
 
 
 
 
Baron Samedì
 
Egli è l'indisccusso signore del Regno dei Morti,la massima espressione di Guedhè,precede e segue sempre Leghba ,signore della vita.

Papa Leghba

Papa Leghba 1La maggior parte dei miti nella storia dell'uomo concorda sul fatto che l'origine dell'uomo e l'origine del sole siano un unico evento. Nell'antico Dahomey(oggi Benin) questo Sole/Spirito di vita primordiale fu Leghba. Attraverso Leghba l'energia primaria fu incanalata nel mondo.
 
In africa era raffigurato come un enorme fallo,fonte di fertilità e veniva posto ovunque,nelle piazze,nei mercati,nei crocicchi,dove la sua benedizione poteva espandersi come i raggi di un sole.

Le Polveri Magiche e il loro utilizzo

incensi polvere
Nella pratica magica quotidiana, nelle suppliche agli spiriti e nei lavori più elaborati, l’uso delle polveri magiche è importantissimo. L’uso delle polveri, nelle tradizioni di origine africana (macumba, voodoo e santerìa) affonda le proprie radici nella pratica magica degli stregoni del Congo e dell’Angola.
 
Erano questi infatti che effettuavano i propri sortilegi impiegando rami d’albero, terre, erbe e altri ingredienti polverizzati. Nel nuovo mondo si mescolarono a popolazioni di altre etnie, arricchendo il loro background magico con altre pratiche che, mescolate a quelle europee diedero origine alle forme di magia più potenti conosciute.

simbologia del serpente : il Serpente Arcobaleno Oxumarè

oroboro arcobaleno"Nel mito Yoruba (Africa occidentale) Oxumaré è il serpente arcobaleno che, come i sette colori dell'iride, percorre l'intero universo.
E' l'energia cosmica, fonte della vita e dell'eterno trasformarsi delle cose.
Il grande Dio, Olorun, allungò Oxumaré per dargli la forma di serpente affinchè percorresse e abbracciasse tutto il pianeta.
 
 In questo processo, il serpente tracciò solchi nella terra, formando i letti dei fiumi e dei laghi, che più tardi furono riempiti d'acqua.
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint